Tag Archives: migliorare vista

Due Kiwi al Giorno, Elisir per gli Occhi

Grazie anche al suo contenuto di luteina, questo frutto disinfiamma le pupille, protegge la retina e riduce anche il rischio di degenerazione maculare

rimedi naturali occhi

Originario della Cina, il kiwi non venne coltivato da subito per scopi alimentari ma come tonico per la salute, in particolare grazie alle sue virtù rimineralizzanti, vitaminiche e dolcemente lassative: La “produzione” intensiva di questo frutto iniziò in Nuova Zelanda dove esso acquisì il suo nome attuale: nella lingua maori kiwi è nome dell’uccello simbolo di questo Paese . La polpa soda del kiwi, protetta da un fitto rivestimento peloso, contiene molta più vitamina C delle arance ma anche vitamina E, ferro, rame, potassio che gli conferiscono proprietà antisettiche, antianemiche e lo rendono un prezioso integratore per la salute di tutte le mucose, in particolare per quelle oculari.

Inoltre il kiwi è ricco in luteina, un pigmento costitutivo della retina che la protegge dai raggi UV riducendo il rischio di degenerazione maculare, glaucoma e cataratta; per questo, se il frutto viene assunto quotidianamente in gravidanza, la luteina in esso contenuta passa attraverso la placenta e nutre la retina del feto, mentre in fase di allattamento, passando nel latte materno, favorisce lo sviluppo dell’apparato visivo del neonato.

Aggiungili a macedonie e… insalate!
Per sfruttare le proprietà terapeutiche del kiwi, l’ideale è consumarlo fresco in macedonia, durante l’inverno ne bastano 1-2 al giorno in macedonia con l’aggiunta di succo di limone ma non di zucchero, che neutralizza i principi attivi del frutto. Grazie al suo sapore acidulo, il kiwi si “sposa” bene anche alle insalate: provalo con soncino, rucola, arance e mele verdi a fettine, condendolo con olio extravergine d’oliva e aceto di mele. Per aumentare la sua azione “lubrificante” sui tessuti oculari, aggiungi all’insalata anche un cucchiaio di semi di girasole. Il kiwi è consigliabile anche come frullato, abbinato carote e mirtilli per ottenere un drink amico delle performance visive.

(Leggi l’articolo completo su http://www.riza.it/dieta-e-salute/mangiare-sano/4029/due-kiwi-al-giorno-elisir-per-gli-occhi.html)

Il rosmarino protegge la vista

E’ il risultato di uno studio americano, il rosmarino protegge la vista, così come la salvia. La comune erba aromatica che insaporisce molti piatti della nostra cucina, potrebbe aiutare la salute dei nostri occhi da gravi disturbi alla retina.
il rosmarino protegge la vistaIl rosmarino è una pianta da giardino, molti di noi hanno vasetti sul balcone o sul davanzale della finestra. Fino a qualche giorno fa pensavamo che servisse solo per insaporire arrosti e zuppe, ma sembra che una sua componente sia salutare per curare una delle malattie più dannose della retina, la degenerazione maculare. A dirlo sono i ricercatori del Sanford-Burnham Medical Research Institute in Florida (Usa).

Si tratta dell’acido carnosico, un diterpenoide contenuto anche nella salvia; l’efficacia per contrastare la degenerazione è stata testata dai ricercatori, coordinati dal dottor Stuart A., i risultati sono stati pubblicati su Investigative Ophthalmology & Visual Science. I test, per il momento, si limitano al modello animale.

La degenerazione maculareè un disturbo che in genere colpisce le persone con qualche anno in più. Il primo sintomo di questa malattia della retina è la graduale diminuzione della vista, soprattutto nella parte centrale. La malattia può portare alla cecità.

Anche altri studi avevano portato a dedurre che l’avanzare della degenerazione maculare potesse essere in qualche modo rallentata dalla componente del rosmarino, o potesse portare ad un miglioramento, contrastando l’azione dei radicali liberi e l’ossidazione dell’organismo. In passato, era stato accertato che l’acido carnosico avesse degli effetti curativi contro i danni dei radicali liberi sul cervello.

Gli ulteriori approfondimenti hanno permesso ai ricercatori di scoprire che la stessa azione protettiva si è dimostrata efficace anche sui danni della retina, sempre su modello animale. Sicuramente la scoperta apre nuove strade per la cura di una retina danneggiata dalla degenerazione maculare.

Il dottor Lipton ha così commentato l’esito dei suoi studi:

Stiamo sviluppando derivati dell’acido carnosico e composti correlati migliorati per proteggere la retina e altre aree cerebrali da un numero di condizioni degenerative, tra cui la degenerazione maculare senile e varie forme di demenza.

(leggi l’articolo completo su http://www.mondobenessereblog.com/2012/11/29/rosmarino-protegge-vista/)