Tag Archives: primavera

Gli Alimenti Light da consumare in Primavera e Estate

Con l’arrivo della primavera e delle belle giornata comincia a sentirsi il profumo dell’estate, ma possiamo accusare maggiormente la stanchezza e la mancanza di energie. Il post di oggi è dedicato agli alimenti consigliati per affrontare la giornata con più leggerezza e carica.
In primavera inoltre si fanno le grandi pulizie per aprirsi alla nuova stagione, e questo coincide con il bisogno di depurare anche il nostro corpo.

Il primo consiglio che voglio darvi è quello di bere molta acqua per pulire via le tossine dal nostro organismo.  Occorre inoltre consumare molta frutta e verdura.
Per esempio l’ananas è tra i frutti che vanno acquistati con più frequenza perchè è ricca di vitamine e secondo alcuni esperti aiuta contro la cellulite. Inoltre contribuisce ad aumentare la tonicità del corpo se consumata con una certa frequenza.
Da evitare l’ananas in conserva perchè contiene molto più zuccheri.  So che non a tutti piace, ma andrebbe mangiato anche il pompelmoche ricco in acqua, sarà l’ideale per idratare il vostro organismo. Inoltre favorisce la digestione e regolarizza il transito intestinale.

Per le verdure gli spinaci sono i più consigliati per la dieta, facili da digerire, aiutano anche loro l’instestino nel suo lavoro. Non dimentichiamo le melanzane : poco caloriche come i pomodori o l’indivia. Ricca in fibre e magnesio, favorisce il transito intestinale. Anche le melanzane sono ricche d’acqua, ma per aproffittare dei suoi benefici non dobbiamo friggerle. Anche le carote da consumare di più: sono antiossidanti, ricche di vitamine e fibre. A favorire la digestione entrano in scena invece i ravanelli con il loro elevato apporto di fibre. (fonte www.mondobenessereblog.com)

Frutta di Stagione, cosa mangiare in Primavera

Con l’arrivo della primavera e quindi di giornate più lunghe e miti, cambiano le nostre esigenze alimentari e i mercati pullulano di prodotti dell’orto freschi ed invitanti.

Spesso al benessere legato all’aumento delle ore di luce, alla maggior voglia di uscire e di stare all’aria aperta si associa no anche sintomi come stanchezza ed astenia; il nostro corpo ha bisogno di ripulirsi e accumulare nuove energie. E’ importante sottolineare che consumare frutta e verdura di stagione significa mangiare cibo più sano, con meno trattamenti chimici e antiparassitari.

Nella dieta primaverili cerchiamo di introdurre più bicchieri di acqua, meno alcol e super alcolici e bevande zuccherate e gassate.

In primavera si trovano facilmente le albicocche da assaporare al naturale o in gelati e torte. Questo frutto è ricco di betacarotene e potassio e favoriscono l’abbronzatura. Sono frutti ricostituenti e ci aiutano ad affrontare stati di stanchezza e anemia.

Ad aprile possiamo consumare le fragole, ideali per depurarci perché hanno effetti diuretici. Attivano il metabolismo, contengono molta acqua , sali minerali e potassio; inoltre vantano un basso potere calorico.

Le fragole si possono coltivare anche a casa sul balcone, basterà acquistare le piantine dal fioraio durante l’estate e sistemarle poi nei vasi.

Le ciliegie sono un toccasana per chi soffre di pressione alta e facilitano la diuresi e contengono vitamina C ed E. si impiega molto anche cotta, sotto forma di marmellate e canditi.

Le amarene, si trovano raramente sui banchi del mercato ma sono molto indicate perchè leggermente lassative e diuretiche.

I kiwi quando sono giunti a maturazione hanno un effetto lassativo; aiutano il sistema cardiovascolare ehanno un’alta concentrazione di vitamina C. E’ considerato un antisettico e antianemico.

I mandarini che sono ancora reperibili per tutto aprile e hanno un sapore delizioso e fresco.

Anche se non sono piacevoli da gustare come il resto della frutta, citiamo i limoni da impiegare per condire insalate e macedonie; questo prezioso agrume aiuta a tenere sotto controllo il livello di colesterolo nel sangue, fluidifica il sangue ed è molto ricco di vitamina C.

Le pesche maturano a maggio e sono una vera miniera di virtù; posseggono buoni livelli di potassio utile agli ipertesi, vitamina A e C e hanno un basso potere calorico.

La frutta è meglio consumarla cruda e fresca, un modo alternativo per assaporarla magari per uno spuntino è mischiarla allo yogurt bianco dopo averla ridotta a tocchetti. (fonte www.tuttasalute.net)

Cipolla e Ribes Nero: rimedi naturali contro le Allergie

Arriva la primavera e arriva l’allergia al polline: starnuti, prurito, arrossamento degli occhi, lacrimazione, respiro affannoso e anche asma.

Di certo non possiamo prevenire e curare l’allergia. Anche se dovessimo imbottirci di antistaminici non la cureremmo. Ma qualcosa possiamo fare. Iniziando dalla nostra alimentazione. E’ consigliabile, per esempio, evitate fragole, cioccolato, insaccati e crostacei, perché alimenti ricchi di istamina, che aumenta infiammazione e prurito.

Cosa mangiare, invece? Alimenti ricchi di vitamina C e vitamina A. E soprattutto cipolle. E’ stato scoperto da alcuni ricercatori olandesi che la buccia di cipolla contiene quercetina, un potente antistaminico e antinfiammatorio naturale che aiuta chi soffre di allergie. Fanno bene anche i cavoli, che contengono, però, un livello di quercetina più basso.

Un potente antistaminico naturale è il ribes nero. Questo ha un effetto positivo sui disturbi respiratori e ha un’azione rinforzante su tutto il sistema immunitario. (fonte www.freshplaza.it)

La Dieta giusta contro la Stanchezza tipica della Primavera

L’inverno, con il suo “strascico” di malanni, sintomi influenzali e parainfluenzali, ormai sembra essere definitivamente alle spalle, ma anche la primavera, nonostante il suo clima più mite e le sue giornate più lunghe, riserva qualche brutta sorpresa. Il “mal di primavera” può presentarsi, puntuale allo sbocciare dei fiori, con una serie di piccoli e grandi fastidi, come insonnia, stanchezza e irritabilità, ma anche disturbi intestinali.

Contro il malessere primaverile, che mette a dura prova la salute psicofisica, meglio affidarsi all’alimentazione giusta. Dopo le abbuffate invernali, per garantire all’organismo la giusta carica energetica, dandogli le forze necessarie per affrontare la primavera, è importante puntare tutto sulla dieta, ricca di alimenti adatti allo scopo.

Innanzitutto, via libera alle verdure. Non vegetali “a caso”, però: meglio preferire quelli ricchi di alcune sostanze nutrienti preziose, ad alto carico energetico e rigenerante, come il potassio, il magnesio il ferro, il calcio e i minerali in generale. Parola della nutrizionista Sara Farnetti, che avverte: “il segreto è mangiarli crudi. Ora nei mercati, per esempio, stanno arrivando gli agretti e i fagiolini. I primi sono un ‘super’ contenitore di calcio: 200ml in 100 grammi”.

“La dieta di primavera deve avere come obiettivo quello di tamponare lo stato di acidosi prodotto dai radicali liberi. Durante l’inverno, infatti, abbiamo accumulato molte tossine e in circolo ci sono i radical liberi, che aggrediscono le cellule e ne aumentano l’invecchiamento. I minerali nel periodo di marzo-aprile aiutano, così, a recuperare l’equilibrio dell’organismo e a combattere proprio la stanchezza, l’insonnia, l’irritabilità, che arrivano con la primavera. Ma sono armi efficaci anche contro altri disturbi come le gastriti e il mal di stomaco. Questo perché influiscono positivamente sulla stabilità dell’umore e della mente rilassando i muscoli” ha aggiunto l’esperta.

Da affiancare, nel regime alimentare quotidiano, ad agretti e fagiolini, anche le mandorle, gli spinaci e il cavolo. Per cominciare al meglio la giornata, meglio scegliere per colazione un po’ di frutta secca (10 mandorle), da abbinare a yogurt e fiocchi d’avena. “A pranzo, invece, servono le proteine e quindi preferire del pesce con accanto: spinaci e agretti crudi, fagiolini o insalate miste. Accanto al pesce si può mettere una fetta di pane. E, senza castigarci troppo, dopo il caffè anche un pezzo di cioccolato fondente. Quest’ultimo è antiossidante e per circa tre ore siamo protetti dai radicali liberi. Mentre a cena se si soffre di insonnia – precisa – optare per i legumi, il riso rosso o nero, con accanto una bella insalata. Non dimentichiamoci che anche un piatto di pasta può ridarci la sera i carboidrati consumati durante la giornata” ha consigliato la dottoressa Farnetti. (fonte www.tantasalute.it)

Vetiver e Anice Verde calmano le Irritazioni

L’inizio della primavera porta con sé un forte subbuglio che si riflette sul sistema endocrino e sul colon: questi due oli risolvono tutte le infiammazioni.

Marzo segna il confine tra gli ultimi strascichi dell’inverno ormai agli sgoccioli e l’imminente arrivo dell’energia primaverile. Gli alti e bassi meteorologici che lo contraddistinguono producono una pressione costante che mettono a dura prova il nostro corpo, in particolar modo le ghiandole surrenali, che sono sollecitate a secernere aldosterone e cortisolo in abbondanza per permettere all’organismo di adattarsi alle mutevoli condizioni energetiche. Per questo spesso ci sentiamo inspiegabilmente svuotati, svogliati e cadiamo preda di infiammazioni e virus tardivi. Questi disturbi si riflettono anche su un altro organo direttamente coinvolto nel risveglio primaverile, ovvero l’intestino, in particolare il colon: che risponde al sovraccarico di stress con fastidiose irritazioni della mucosa.

Vetiver dissolve paure, insicurezza e cali energetici “di primavera”

Per contrastare l’astenia primaverile e il sovraccarico energetico delle ghiandole surrenali l’aromaterapia raccomanda l’ olio essenziale di vetiver: si tratta di un’erba aromatica di origine indonesiana dall’aroma ricco e legnoso, dalle proprietà a un tempo toniche e sedative, capace di sostenere le ghiandole endocrine (in primis il surrene), il sistema immunitario e il sistema circolatorio.

Quando dunque ci sentiamo stanchi e insicuri, poche gocce di olio essenziale di vetiver, anche solo annusate su un fazzoletto, rafforzano il senso di radicamento, dissolvendo il nervosismo e le tensioni più profonde, e sviluppando al contempo l’energia sessuale, che spesso in questo periodo dell’anno può subire cali apparentemente inspiegabili.

Come utilizzarlo

Per il bagno: alla sera, prima di coricarsi, versare nell’acqua del bagno 8 gocce di olio essenziale di vetiver, restare immersi per 15 minuti circa, respirando gli effluvi aromatici.

Per il massaggio: la mattina eseguire un massaggio della zona surrenale con 4 gocce di olio essenziale di vetiver diluite in un cucchiaio di olio di mandorle dolci.

Se l’intestino è “nervoso”, placalo con l’anice verde

Tra gli inconvenienti dello stress primaverile uno dei più fastidiosi è il risveglio, nelle persone predisposte, della sindrome del colon irritabile: si tratta di un’alternanza tra periodi di stipsi e brusche evacuazioni di origine nervosa, che esprime una difficoltà nella gestione degli equilibri energetici. Un valido aiuto contro l’irritabilità di questo sensibile tratto intestinale ce lo offre l’ olio essenziale di anice verde, l’ombrellifera dai bei fiori bianchi che cresce nelle regioni mediterranee. (fonte www.riza.it)

Suggerimenti per la primavera. Il Menù Salva-Capelli

Primavera ed autunno uguale caduta dei capelli; un tempo di parlava di “tempo delle castagne”, ma la vera causa di questo fastidiosissimo problema sono i cambi di stagione e gli sbalzi di temperatura che ciò comporta. Oltre ad usare prodotti mirati (contengono ferro e cisteina soprattutto) si può agire sotto forma di prevenzione anche con l’alimentazione.

Per rendere la nostra chioma più forte ed elastica ed evitare una caduta massiccia sono d’aiuto alcuni alimenti, ricchi di proteine, minerali e vitamine; ecco qualche suggerimento. A pranzo consumiamo pasta integrale: fornisce vitamine del gruppo B, del tutto assenti nelle farine raffinate e molti minerali preziosi, tra cui, primo tra tutti il ferro.

A merenda via libera al consumo di macedonia: la frutta, e soprattutto i frutti di bosco e quella secca, è un’ottima fonte di vitamina E e di vitamine del gruppo B. A cena preferiamo il pesce, perchè fornisce le proteine necessarie per nutrire il fusto dei capelli ed i minerali che aiutano a fortificare la chioma. (fonte www.benessereblog.it)

Come combattere la Stanchezza dei primi Caldi

Con l’arrivo dei primi caldi non è difficile provare un senso di spossatezza e debolezza. A chi non è capitato di avere un senso di stanchezza e sonnolenza che rende più pesante affrontare qualsiasi gesto che, in genere, facciamo senza alcuna difficoltà. Fra i tanti sintomi anche gambe e caviglie gonfie. Ci sono dei consigli sempre utili da seguire, bere molta acqua, evitare di uscire nelle ore più calde, i soliti, insomma. Se queste sensazioni sono dovute essenzialmente al cambio di stagione, oltre agli integratori, ci possiamo aiutare con alcune erbe.

Ottimo l’infuso di cannella preparato in mezzo litro di acqua bollente in cui metterai in infusione 2 cucchiai da minestra di corteccia sbrisciolata. Lasciala in infusione per 10 minuti. Bevi almeno tre tazze al giorno. Utile anche il macerato di china rossa, preparata sempre con mezzo litro di acqua bollente nella quale metterai 5 cucchiai di corteggia. Anche in questo caso, dopo averla filtrata, bevi un bicchiere di infuso prima dei pasti principali.

Il senso di stanchezza che si prova quando arrivano i primi caldi, è spesso accompagnato da un forte senso di inappetenza. Per acquistare un po’ di forza e stimolare la fame, fai così. Versa su 15 foglie di alloro 300 g di acqua bollente. Come sempre, bisogna lasciare in infusione per una decina di minuti. Questa sorta di tè, che berrai 2-3 volte al giorno lontano dai pasti, ti ridarà forza e voglia di mangiare.

Anche la centaurea ha il suo effetto benefico per combattere la stanchezza. Anche in questo caso sarà ottimo un infuso da bere due o tre volte al giorno preparato in un litro di acqua bollente ed unendo una manciata di foglie e fiori.

Per chi ama le bevande da vari sapori, ecco una tisana da preparare in mezzo litro di acqua, con 2 cucchiai per ogni erba di salvia, menta, chiodi di garofano, fiori di arancio amaro e rosmarino. Bevi una tazza mattino e sera.

Ovviamente, ci sono anche dei consigli alimentari da seguire, fra cui, consumare più frutta, che fornisce idratazione e sali minerali, senza rinunciare a gusto e leggerezza, associando un maggior consumo di verdura, preferibilmente cruda per prevenire la perdita di sali minerali e nutrienti in cottura. (fonte www.mondobenessereblog.com)

Le Primule si Mangiano

Un carico di energia con le primule

Nel sottobosco, della terra ancora addormentata, verso i primi di marzo spuntano le primule.

Le foglie oblunghe sono ricche d’acqua e croccanti al gusto, sono ottime nelle insalate miste primaverili. La radice contiene acido salicilico.

Un loro principio attivo sono le saponine, sostanze “mercuriali” che favoriscono i processi metabolici e hanno una forte azione espettorante.

Ulteriori sostanze vivificanti sono il carotene, che dà ai fiori il giallo intenso, la vitaminaC, i fenoli e i flavonoidi.

Le primule agiscono sugli organi del sistema ritmico: cuore e polmoni.

Nella tradizione popolare se ne usavano i fiori per tisane contro l’emicrania e vertigini.

Per il viso, un bagno di vapore primaverile, si ottiene aggiungendo due manciate di fiori freschi e un cucchiaio di bicarbonato e un litro di acqua bollente. Dopo aver tenuto il viso sopra il vapore per circa 5 minuti, risciacquare con acqua fresca e applicare una crema leggera. (fonte www.alimentazione-benessere.it)

Maschere viso fai da te per l’arrivo della Primavera

La bella stagione è alle porte, manca poco alla primavera ed allora, oltre ad alleggerire il nostro guardaroba, prepariamo la pelle del viso ad affrontare una nuova stagione.

Non serve andare dall’estetista, con qualche suggerimento, riusciamo tranquillamente a preparare in casa maschere per il viso utilizzando ingredienti facilmente reperibili in dispensa o in frigorifero. Ma impariamo quali sono gli ingredienti più comunemente usati a seconda di quello che vogliamo ottenere dalla nostra maschera fatta in casa.

Per idratare la pelle, possiamo utilizzare miele, farina d’avena, banana, patata, polvere di alga, gel di aloe vera. Se vogliamo, invece, rinfrescare la pelle, usiamo polpa di frutta e verdura fresca, come fragola, pomodoro, pesca, mela, melone, spinaci ed il classico cetriolo. Per nutrire servono avocado, panna, tuorlo d’uovo. Per purificare argilla, yogurt, lievito di birra; per schiarire argilla, cetriolo, limone e mela. Infine, contro l’invecchiamento, olio di jojoba, olio di borragine, polvere di semi di fieno greco (per rassodare), polvere di germe di grano (antiossidante).

Per restringere i pori, possiamo preparare una emulsione con yogurt bianco e gocce di limone, ad effetto astringente. Stendiamola sulla pelle, lasciamola riposare per qualche minuto, una decina basteranno, eliminamo tutti i residui con acqua tiepida e la pelle apparirà subito meno grassa e luminosa. Per la pelle grassa va bene anche preparare un’emulsione con uno yogurt a cui aggiungerai un cucchiaino di olio di oliva o di mandorle. E’ adatta anche alla pelle secca.

Per chi lotta tutti i giorni con brufoli e punti neri, un ottimo suggerimento è preparare una maschera con l’albume di un uovo a cui aggiungeremo del miele, la procedura è sempre la stessa, si tiene il composto sul viso per dieci minuti, poi si risciacqua con acqua tiepida. Sempre con il miele, per depurare la pelle, possiamo preparare con un cucchiaio del dolce prodotto mischiato ad un cucchiano di succo di limone un composto che passeremo su viso e collo e lasceremo agire per mezz’ora. Ripulire il viso con acqua di rose o con un infuso tiepido di rosmarino.
In primavera è frequente che compaiano macchie e rossori in viso, per eliminarle, prendiamo un cucchiaio di succo di cetrioli, un cucchiaio di latte e un bianco d’uovo montato a neve. Aggiungete, piano piano, quindici gocce di acqua di rose. Mescolate il tutto e mettete il composto su qualche strato di garza, appoggiatelo sul viso. Lasciate in posa per una ventina di minuti, poi sciacquate con acqua tiepida. (fonte www.mondobenessereblog.com)

Primavera: Frutta e Verdura di Stagione

La primavera è la stagione della rinascita e il nostro corpo ha bisogno di recuperare carica ed energia dopo il freddo inverno. Ritrovare il benessere è facile grazie alla frutta e alla verdura di stagione.

In primavera riassaporiamo il piacere di vivere all’aria aperta, di passeggiare avvolti in un gradevole tepore e di osservare la natura che rifiorisce in tutti i suoi colori. Un vero idillio se non fosse che con la primavera si presentano disturbi come stanchezza, spossatezza, depressione, allergie, asma e difficoltà digestive… L’organismo è ancora provato dagli sbalzi di temperatura e dal freddo sofferti in inverno. Se poi aggiungiamo le abbuffate delle feste e le varie medicine assunte per combattere raffreddore e influenza una cosa è certa: il nostro corpo, proprio come la natura in primavera, ha bisogno di rigenerarsi, disintossicandosi e recuperando energia e salute.

La natura è un potente alleato in fatto di benessere e ci dona, anche in primavera, deliziosi e nutrienti prodotti. Grazie a una dieta a base di frutta e verdura di stagione possiamo ritrovare la forma perfetta.

Fare attenzione alla stagionalità di frutta e verdura significa mangiare prodotti freschi, cresciuti sotto il sole e non gonfiati d’acqua in serre. Negli ortaggi di stagione, vitamine e minerali non vanno persi, il sapore è più gustoso e il costo è nettamente inferiore a quello dei prodotti fuori stagione. Cosa aspettiamo a realizzare nuove ricette con i deliziosi frutti della primavera?

Frutta

Albicocche: ottime da consumare fresche ma anche essiccate e sciroppate, sono frutti ricchi di vitamine e oligoelementi. L’albicocca ha un elevato contenuto di betacarotene, utile alla produzione di vitamina A, davvero preziosa per combattere i tipici mali di stagione: stanchezza, spossatezza e depressione.

Ciliegie: le proprietà di questi deliziosi frutti sono davvero tante: aiutano chi soffre di ipertensione e chi ha problemi cardiaci, facilitano l’attività intestinale e la diuresi e pare siano persino antidolorifici. Grandi alleate della pelle, ne preservano la bellezza e stimolano l’abbronzatura. Perfette per ritrovare equilibrio ed energia per le loro proprietà disintossicanti.

Fragole: deliziose da gustare in macedonia, con la panna o al naturale, sono fonte di vitamina C e hanno effetti diuretici. Le fragole aiutano a combattere i disturbi primaverili in quanto disintossicanti e depurative. Da non sottovalutare l’effetto che hanno sull’umore grazie alla stimolazione della serotonina, un grande aiuto naturale in una stagione che può portare problemi di depressione.

Verdura

Aglio: prezioso alleato della salute per le numerose proprietà terapeutiche. Combatte i problemi cardiocircolatori, riduce pressione arteriosa e colesterolo. Noto anche per l’azione contro le infezioni: svolge una funzione antibatterica sulle vie respiratorie, antifungina e antivirale. 

Asparagi: grazie all’alto contenuto di potassio sono un alimento molto utile al cuore e ai muscoli. Hanno effetti diuretici e sono ricchi di vitamina A, manganese, fosforo e acido folico.

Lattuga: ricchissima d’acqua svolge un’azione rinfrescante, digestiva e rimineralizzante. Fonte preziosa di vitamine A e C e sali minerali quali potassio, fosforo e ferro.

Con tutta la frutta e la verdura che questa stagione ci offre è facile trovare tante ricette, sane e gustose. Ecco una ricetta che sa di primavera e che si veste dei colori di un campo fiorito: risotto agli asparagi e fragole.

Ingredienti: 150 g di riso, 8 fragole, 200 g di asparagi, vino bianco, scalogno, erba cipollina, brodo vegetale, olio extra vergine di oliva, sale e pepe verde.

Preparazione: Scaldate lo scalogno tritato con l’olio d’oliva in un tegame piuttosto capiente. Aggiungete il riso facendolo tostare un minuto e sfumate con il vino bianco. Unite al riso gli asparagi tagliati e aggiungete sale, erba cipollina e pepe verde. Fate cuocere il riso aggiungendo il brodo gradualmente, mescolando di tanto in tanto. Verso fine cottura aggiungete le fragole  sminuzzate e lasciare amalgamare il tutto per almeno un paio di minuti. Utilizzate una fragola fresca tagliata a spicchi per decorare i piatti prima di servirli.

Con questa ricetta delizierete il palato dei vostri ospiti con un accostamento di sapori e colori davvero originale!  (FONTE www.cure-naturali.it)