Tag Archives: proprietà noci

Quattro Noci al Giorno fanno Felice il Cervello

Il loro elevato contenuto di Omega 3 e di  antiossidanti, che nutrono le cellule nervose e stimolano il sistema immunitario, le rende insispensabili in autunno

proprietà delle nociPer parlare della noce, in primo luogo dobbiamo anzitutto osservare bene come è fatta: il guscio di questo seme oleoso richiama in modo suggestivo la scatola cranica e il suo contenuto assomiglia sorprendentemente ai due emisferi cerebrali. Probabilmente, seguendo il filo della similitudine e dell’analogia, la medicina delle Tradizioni ha sempre ritenuto che per affinità di forma si trattasse di un frutto adatto a “nutrire” il cervello… In realtà la noce, per il suo prezioso contenuto di nutrienti, è proprio l’ideale da consumare quando si è stanchi, stressati e con il cervello un po’ in affanno, circostanza frequente soprattutto nel cuore dell’autunno.

Serve al sistema nervoso e non solo…
La noce è ricca di acidi grassi, e quindi utile al sistema nervoso, è indicata per i ragazzi, quando studiano, ad esempio assumendola sotto forma di pane alle noci con il miele integrale, in modo da somministrare loro una buona dose di zuccheri a lento assorbimento. È poi una merenda ottima per i più piccoli, in particolare quando non hanno appetito e non si sa mai cosa dargli: 2-3 noci tritate mescolate con un cucchiaio di uvette e un vasetto di yogurt bianco, possono essere un’ottima soluzione. Le noci, insomma, sono l’ideale per chiunque svolga un lavoro intellettuale e durante la giornata sia afflitto da stanchezza mentale e difficoltà di concentrazione. Ma questo frutto va consigliato anche alle donne gravide, come spezzafame, in quanto è facilmente digeribile e indicatissimo pure per il feto, che trae dagli acidi grassi essenziali preziosi elementi per “costruirsi” il tessuto cerebrale e nervoso più in generale.

L’alleato insospettabile contro gli attacchi di fame
Le noci sono poi una risorsa d’eccezione per chi soffre di “fame nervosa” e non vuole ingrassare: invece di addentare un panino a metà mattina o, peggio ancora, invece di farsi l’ennesimo cappuccino con brioche… la cosa migliore è che si mangi un po’ di frutta secca. Dosaggio consigliato? 3-4 noci al giorno sono il giusto quantitativo per questi fuori pasto. Un altro aspetto che rende prezioso questo frutto è il suo alto contenuto di zinco e rame, minerali che abitualmente assumiamo dalla carne: le noci quindi sono assai indicate per tutti coloro che seguono una dieta vegetariana.

(Continua a leggere su http://www.riza.it/dieta-e-salute/mangiare-sano/3989/quattro-noci-al-giorno-fanno-felice-il-cervello.html)

Le Noci Allungano La Vita

propietà delle nociLe noci allungano la vita; a dirlo i risultati di uno studio condotto dall’Universitat Rovira i Virgili di Tarragona.

Secondo loro infatti mangiare un po’ di noci per tre volte alla settimana potrebbe diminuire il rischio di morte prematura ma anche proteggerci dal cancro e dalle malattie cardiovascolari e questo probabilmente è dovuto alle sostanze benefiche contenute nelle noci e cioè Vitamine E, alcune del gruppo B, molti minerali, proteine; inoltre, contengono un amminoacido molto importante, l’arginina.

Per arrivare alla conclusione che le noci sono particolarmente benefiche per l’organismo i ricercatori spagnoli hanno esaminato le cartelle cliniche di 7mila persone di età compresa tra i 55 e i 90 anni ed hanno potuto osservare come a parità di stile di vita e di malattie (sia quelle pregresse che quelle in corso) quelli che consumavano noci avevano un rischio di morte prematura ridotto del 45%.

(Leggi l’articolo completo su http://www.mondobenessereblog.com/2013/07/19/noci-allungano-vita/)

 

Le proprietà delle Noci e delle Mandorle, valori nutrizionali e calorie

Noci e mandorle: quali saranno le loro proprietà benefiche e quali saranno le calorie di questi due gustosi alimenti? Torniamo a parlare di cibi che fanno bene alla salute, e parliamo innanzitutto delle noci, che come ben saprete, sono i frutti dell’albero del noce. Questo particolare alimento viene utilizzato perlopiù in cucina, mangiato come frutta secca oppure impiegato per la realizzazione o la decorazione di dolci e manicaretti. In realtà le noci hanno anche delle utili proprietà per il nostro benessere, tanto che al giorno d’oggi sono sempre più gli specialisti che ne consigliano il consumo.

Questo particolare frutto (che avrebbe circa 650 calorie per ogni 100 grammi) è infatti ricco di acidi grassi Omega-3, in particolar modo di acido linoleico.

proprietà valori nutrizionali e calorie di noci e mandorle


Si tratta di un alimento particolarmente energetico
, ricco di antiossidanti, ideali per contrastare l’invecchiamento della pelle e delle cellule. Le noci, ideali anche nella lotta contro il colesterolo cattivo e contro le malattie cardiovascolari, contengono inoltre numerosi minerali come il fosforo, il magnesio e il potassio, e sono indicate per combattere affaticamento, stress e stanchezza.

E passiamo adesso a un altro frutto davvero gustoso e dalle molte proprietà benefiche, ovvero la mandorla, un seme molto ricco di oli e di acidi grassi monoinsaturi, ricco di fibre, vitamine e antiossidanti.

(leggi l’articolo completo su http://www.benessereblog.it/post/37439/le-proprieta-delle-noci-e-delle-mandorle-valori-nutrizionali-e-calorie)

Noci e Nocciole contro l’Alzheimer

Ad affermare nuovamente la stretta relazione tra corretta e sana alimentazione e prevenzione delle malattie neurodegenerative ci hanno pensato i ricercatori della Columbia University in un articolo pubblicato su Neurology.

noci e nocciole

Nello studio, che ha visto la partecipazione di più di mille individui di età superiore ai 65 anni e senza apparenti segni di neurodegenerazione, è stato chiesto di compilare un questionario molto dettagliato sulle abitudini alimentari. Un anno e mezzo dopo, gli individui protagonisti della ricerca sono stati sottoposti a un prelievo di sangue che ha misurato il livello della proteina beta-amiloide, indiziata numero uno nell’insorgenza della malattia di Alzheimer.

In particolare i ricercatori hanno valutato il legame tra la proteina circolante e dieci componenti nutritivi quali acidi grassi saturi, acidi grassi polinsaturi omega 3 e omega 6, acidi grassi monoinsaturi, vitamina E, vitamina C, vitamina D, vitamina B12, folati, betacarotene. Dalle analisi è emerso che più un individuo consuma omega 3, più sono bassi i tassi di proteina beta-amiloide nel sangue.

Via libera dunque a tutti quegli alimenti ricchi di omega 3, in particolare pesce e frutta secca oleoginosa come nocciole, mandorle o noci! Ricordiamoci però che anche l’attività fisica allontana il rischio di Alzheimer.

(Fonte www.freshplaza.it)